uva ursina

Uva ursina per curare la cistite, un antibiotico naturale

uva ursina per curare la cistite

Fiori di Uva ursina.

Le nostre nonne e ancor prima di esse le loro mamme, usavano l'uva ursina per curare la cistite, conoscevano bene il suo valore curativo, si tratta di una pianta della famiglia delle ericaceae  che funge da potentissimo antibiotico naturale. I suoi decotti sono un miracolo per curare le infezioni alle vie urinarie.

La cistite è un'infezione di natura batterica,  ne soffre circa il 20% delle donne in età compresa tra i venti e i quarantanni e si può arrivare ad una percentuale del 50% quando l'età supera i sessant'anni. Riconoscerne i sintomi è il primo modo per combatterla più velocemente e per evitare che arrivi ad una fase complicata da curare.

Attente a: bruciore e dolore più o meno intenso durante la minzione. Possono essere presenti anche brividi e sensazione di freddo, difficoltà ad urinare con una riduzione del volume di urina ma con un'aumento giornaliero delle minzioni, cattivo odore delle urine che diventano torbide, dolore alla zona lombare e al basso ventre con un urgente e improvviso bisogno di urinare e, quando si è nella fase acuta, può esservi la presenza di sangue nelle urine, un fenomeno che prende il nome di ematuria.

Uno degli errori che spesso viene commesso è quello di ridurre la quantità di acqua che beviamo, pensando che non bere possa ridurre la continua necessità di andare in bagno, invece non è così, bisogna bere molta acqua. Un'altro errore che spesso causa l'aggravarsi della cistite è trattenere il bisogno di urinare per troppo tempo.

Fare molta attenzione all'igiene intima è importante, lavarsi a fondo e con acqua corrente dopo essere andate di corpo, eviterà che i batteri della zona anale possano diffondersi nella vagina.

La cistite va curata con l'assunzione di antibiotici, ma se possiamo utilizzarne di naturali è sempre meglio. L'uva ursina è un  potentissimo antibiotico naturale, farne dei decotti, (assumendoli almeno tre volte al giorno), risolverà il doloroso problema della cistite. È sconsigliata in gravidanza, durante l’allattamento e nei bambini al di sotto dei 12 anni.

L’arbutina presente nell’uva ursina si dissolve meglio nell’acqua in ebollizione quindi, il decotto ha più efficacia delle compresse, anche se il sapore è molto amaro. La preparazione si esegue mettendo circa 2 grammi di foglie secche in 150 ml di acqua fredda che poi faremo bollire per circa 15 minuti.

Il passaggio successivo sarà quello di filtrare il decotto lasciandolo intiepidire un po' prima di berlo aggiungendo ad esso del  bicarbonato di sodio. Il consumo del preparato non deve superare i dieci giorni. Le urine diventeranno verde scuro, ma ritorneranno al colore naturale quando non verranno più assunti i preparati.

 

 



Lascia un commento a fondo pagina! 😉


-->

Lascia un commento