struccanti

Struccanti e detergenti per pelli secche e sensibili

struccantePer struccare e detergere le pelli secche e sensibili dobbiamo affidarci a prodotti validi e il più naturali possibile. L'acqua micellare, ad esempio, è uno degli ottimi struccanti privi di alcool e sapone, ciò la rende adatta ad eliminare il make-up sulle pelli delicate e quindi, più facilmente irritabili.

L'acqua micellare funge da tonico e struccante insieme, con un solo prodotto è possibile "pulire" e tonificare il viso. In commercio ve ne sono un'infinità ma, per le pelli sensibili e più delicate l'acqua micellare migliore deve essere lenitiva e priva di parabeni.

Per acquistare i giusti struccanti, vige la regola del: "leggere attentamente le etichette" come facciamo quando acquistiamo i cibi. Creme, oli o qualsiasi altro prodotto per pelli sensibili devono essere privi di SLS e SLES (Sodium Lauryl Sulfate e Sodium Laureth Sulfate) tensioattivi chimici aggressivi per la pelle, e allo stesso modo, assicurarsi che non contengano profumo e coloranti.

Possiamo anche optare per il fai-da-te"naurale" prepararando degli struccanti a casa senza che essi contengano prodotti dannosi che sono sempre i colpevoli di pelle irritata e di allergie cutanee. Con piccole dosi create settimanalmente possiamo preparare e fare uso di uno struccante, composto da elementi facilmente reperibili (che non mancano mai nella nostra dispensa).

Gli ingrdienti sono: olio d'oliva (100 ml), bustina di camomilla e acqua distillata (quella che utilizziamo per il ferro da stiro 200 ml). Basta fare un infuso di camomilla in acqua distillata, lasciarlo raffreddare e poi aggiungere l'olio (piccole dosi), conservandolo in un flacone ben chiuso e ben pulito (se sterilizzato ancor meglio). All'infuso si possono aggiungere degli oli essenziali-naturali-profumati, ma la camomilla ha già un buon profumo.

Possiamo utilizzarlo tutte le volte che ci dobbiamo struccare, agitandolo ogni volta, questo per rendere il tutto sempre omogeneo dato che, l'olio tende a separarsi dall'acqua. Il "preparato", va conservato per qualche giorno, al massimo una settimana, infatti, non contenendo conservanti la durata della conservazione non può andare oltre.

 

 

 



Lascia un commento a fondo pagina! 😉


-->

Lascia un commento